3 Commenti

La voce del progresso dice UFKMFL

Il fu fattore umano

di

thumbnail

20

mar

2015

Esiste un piano segreto per arrivare all’eliminazione degli esseri senzienti all’interno della pubblica amministrazione.

Constato che in questi giorni ferve un notevole entusiasmo attorno al tema della fatturazione elettronica, con tanto di presentazioni pubbliche, foto ricordo, tweet presenzialisti e giurerei di avere persino visto uno spot televisivo.

Quando si parla di pubblica amministrazione il mio approccio è credere solo a quello che vedo; ne sa qualcosa il nostro Simone Aliprandi, che lavora in tribunali dove la legge impone la trasmissione telematica dei fascicoli e chi giudica secondo la legge chiede la copia di cortesia. Tradotto: carta.

Quello che vedo sulla mia scrivania è una lettera (su carta) del Comune di Rovereto inviata A tutti i Fornitori presso le Loro Sedi. È datata 23 febbraio 2015 eppure da questo inizio sembra antecedente alla scoperta del mail merge. Comunque sia, ricorda giustamente come dalla fine di questo mese saranno accettate solo fatture in formato elettronico. C’è da esserne lieti. A inquietare sono altri brani:

L’articolo 3 comma 1 del citato DM [che fissa gli obblighi di decorrenza della fattura elettronica] prevede che l’Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche inserendoli nell’indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), che provvede a rilasciare per ognuno di essi un Codice Univoco Ufficio […] l’identificativo univoco che consente al Sistema d Interscambio (SdI) gestito dall’Agenzia delle entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all’ufficio destinatario.

Pensavate che per recapitare correttamente una fattura elettronica bastasse un indirizzo di posta elettronica? Ingenui: non si va da nessuna parte senza un Codice Univoco Ufficio. Ritenevate che all’ufficio amministrazione, quello cui arrivavano le fatture di carta, ora arriveranno le fatture elettroniche? Illusi: se l’Amministrazione non individua i propri uffici deputati, finiranno chissà in quale /dev/null di Stato.

A Rovereto per fortuna sono già avanti e comunicano che il Codice Univoco Ufficio è UFKMFL. Hanno anche l’ufficio deputato: Uff_eFatturaPA. L’impegno a trovare un nome originale ed esplicativo ha coniugato efficacemente pragmatismo e sintesi. Mi sono chiesto perché servano codici univoci quando il Comune di Rovereto ha un sito, un codice fiscale/partita IVA 00125390229, una casella di posta certificata e una suppongo non certificata e però univocamente identificativa, al pari di tutti gli altri riferimenti. Ingenuo e illuso:

Oltre al Codice Univoco Ufficio si devono indicare nella fattura anche le seguenti informazioni: il codice identificativo di gara (CIG) tranne i casi di esclusione […] il codice unico di progetto (CUP) in caso di fatture relative a opere pubbliche.

Tralasciando le informazioni richieste al mittente, risulta che nel caso peggiore non si potrà emettere efficacemente una fattura intestata al Comune di Rovereto in mancanza di UFKMFL, Uff_eFatturaPA, CIG e CUP. Nessun problema, ma qual è lo scopo di tutto questo? Sto cominciando a pensare che si tratti di sfiducia generale dell’amministrazione pubblica nei confronti degli amministratori pubblici. Il piano è inserire complicazioni inutili e progressive fino a quando gli unici a poter mandare una fattura saranno i computer e gli unici a poterla ricevere pure, eliminando totalmente il fattore umano.

Non me lo spiego altrimenti, per una ragione banale. Dal mio computer posso inviare documenti certamente inviati da me e certamente non manipolati prima del recapito grazie a tecnologia open source collaudata, validata scientificamente, semplice da installare e usare, verificabile, presente su qualsiasi piattaforma e sistema operativo. Tuttavia serve un essere senziente per spedire e un altro per ricevere.

Esseri senzienti: gente malvista, nel radioso futuro che ci attende grazie alla fattura elettronica. Quelli che lavorano al Comune di Rovereto, che ne pensano? Se volessero scrivermelo in modo cifrato, inviolabile, autenticato e verificabile, allego qui sotto la mia chiave pubblica. Basta un copia e incolla e poi ci pensa il computer. Il difetto secondario di questo sistema è che preserva l’utilità delle intelligenze, invece che oscurarla. Quello principale, che semplifica e garantisce. Due nozioni sconosciute in molti Uffici deputati.
 

—–BEGIN PGP PUBLIC KEY BLOCK—–
Version: GnuPG/MacGPG2 v2.0.17 (Darwin)
Comment: GPGTools – http://gpgtools.org

mQGiBEpu2zERBADY/9KW8ZalSZ4PAb2KTr5pG5TL25oV3p0g6QKgm/tGrZkEAGQc
3AwvWdM2puscY3IgitL9NjNm5Upghu4XsiFWlvoXYsxd2gnzRToEaAJMlI7CH254
6xIzGbXFT2LKrQMizVkiSAxqufsBkMtwinvflQEuBA1Cb4hsOqOu9XLs+wCg5sgD
5WlADmiQGgKWSR/pOZreUpUD/R/UZnZ/Ttzdl6HAe5UUiqtF3VM+ecllmpvEJabk
6WnzrFZA/Y1TnRYnp+wGR0kztXYmDvb9dMbkbZ4aOE06RmME/Gl9S3zX5+yrYkRH
J8RsOXSqhaqjAjqT23qshrZXUB5datOQfI8yXKjLpowvrekSP+o7egSu3lEwvKhs
mMO8BACLFq7+iOzZR9lyC8DaZeP40PslfJJprZ9egEUV7NThfIkboi+icr8+Pgte
aq5ihOPgOyt3XHAYzbH1ioojGpklDtaWionFmJ7zFAMpu8QxtZJEOldCIf9ZckuQ
/DH7AhWxbYnefrYfcXoMOgFdtw4gwmWYddRJa8iRhl7jxFEkkbQ8THVjaW8gQnJh
Z2Fnbm9sbyAoTGEgZmFtb3NhIGFkZGl6aW9uZeKApikgPGx2Y2l2c0BnbWFpbC5j
b20+iFsEExECABsFAkpu2zEGCwkIBwMCAxUCAwMWAgECHgECF4AACgkQp1WZdwdk
5rQHUQCdHiLzw6VOl2NabO5QUw1LP1wr8GkAoK9PyyPGdqc9udzakrnijUgUN8+s
uQINBEpu210QCACIzJgVUUqxkuwHpoB7GZmWufzc3l75DKISYpZcJZlEvbn1QBiS
NpE5CnoRaUQaVYs+IUpo+GuYKTCSvDRaJ2uHWvSOhBZbhPocLFlGKFfLHLAMthG0
GpopH/tFOBPYDEw9OUY2c7PZgFmR5ZsJCNA/BKQuaFE5/8tqJalgwPEdA2+JxCLL
z5L0axfBqfvWqYVjPFL6MR4Unt4OPeN06KfkDdpOJh0YSF/BBOaGGI7T8zN7HKKL
Sq/zKLb569CgXb8MzYqjzLvnR3gZJxzfQvSPii5QMqdTShuGlixqQe0A1uNEwokN
26jL9ui6pzCBP5c/gOdbxT7K910x3Gc7kctfAAMFB/9coJtpIuHxkaCmowcWjgJG
bRzwowEOYmRz4w59/CQk9HFcWRLRLpmAq9xh0Ne/0t15VEResn2jTj9BjWRzIFf0
G8CB8oZeFwbsf3a+x3cmtqqQIittKxuxIhaQpsbGryOUgdwsCPIgG5sSCSArH8fi
MkwB/HwUMZlD+v273/VGlzraami7UqMeTJ3Wlqx26daWRLLXoVp0gmuXEi4tCY5V
H+AAF9ID+5WcCbHfuZyuKaPnPalWjvNOoLkDmTjlqe3Tqojl2orBWRHVg7DiqTCp
H4KpzOYGAfc1BQmc7zK/JRG0ZrMioqg8XoFtn8dntm77PTu8VFuKvS9g/1ploq0h
iEYEGBECAAYFAkpu210ACgkQp1WZdwdk5rSOmwCfUzaRBfaS6RuqxF4gjMUBkoRp
anEAn2/5fVz3dxsdwYED+C7JNgJV84jP
=0J63
—–END PGP PUBLIC KEY BLOCK—–




Lucio Bragagnolo (@loox) è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa con entusiasmo di mondo Apple e digitalizzazione a scuola e in azienda. Dal 2015 è membro del comitato tecnico-scientifico di LibreItalia. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia. Insieme a Luca Accomazzi è autore per Apogeo dei manuali su OS X, tra i quali OS X Server e i recenti OS X 10.11 El Capitan e OS X oltre ogni limite. Con Swift ha fatto tutto da solo.

In Rete: macintelligence.org

Letto 4.439 volte | Tag: , , , , , , , , , ,

3 commenti

  1. avariatedeventuali

    Pensare che sono 16 anni che lavoro con la stessa casella di posta con i privati e mai avuto un problema… In italia la regola “rendere difficili cose facili attraverso cose inutili” è stata elevata a sistema ed informatizzata per garantire posti di lavoro ai soliti amici degli amici.
    Sarebbe bastato fare corsi di pgp a tutti i livelli e non avremmo avuto bisogno di pec, server iscritti all’albo, certificatori iscritti all’albo e le altre duemila cose inutili che riempiono la panza ai soliti immeritevoli.
    Ma pensiamo un attimo a che accadrebbe se una banca decidesse di operare in questo modo online… Chiuderebbe dopo tre minuti.

  2. Edoardo Volpi Kellermann

    In questo caso mi chiedo cinicamente se, in effetti, l’eliminazione di tale fattore umano (i BFASS, Burocrati-Fini-A-Se-Stessi) sia da considerarsi deleteria o un dono all’umanità.

  3. [...] illuminante post di Lucio Bragagnolo su Apogeo Online, ripropone il tema del fattore umano nel lungo processo di [...]

Lascia il tuo commento