4 Commenti

Spartan complica la faccenda

Combatteremo all’ombra

di

thumbnail

26

gen

2015

Addio Explorer: Microsoft annuncia un nuovo browser per Windows 10. L’analisi compiuta dal punto di vista di un webdesigner.

La prossima versione di Windows non porterà con sé una nuova versione di Internet Explorer, arrivato alla fine della sua corsa ventennale. Il nuovo browser, nome in codice Spartan, è il browser di default nell’imminente Windows 10.

I cambiamenti percepibili all’utente sono parecchi. Cambia la gestione dei tab, raggruppabili. L’utente può evidenziare passaggi dalla pagina web e annotarli. Sparisce la possibilità di emulare i vecchi Explorer. Spartan sarà compatibie con le estensioni sviluppate per Chrome, pare.

Spartan introduce anche Cortana. Si tratta soltanto del clone di Siri già visto sui cellulari di Microsoft e non dell’intelligenza artificiale apparsa nel videogioco Halo, purtroppo.

Immagine di Cortana, personaggio del videogioco Halo che ha ispirato l'assistente digitale offerto da Microsoft sui suoi smartphone.

Numero di serie CTN-452/9, creata dai tracciati cerebrali della dottoressa Halsey.

Ai webdesigner però importa cosa sta sotto al cofano. Il team di sviluppo Microsoft scrive nel suo blog che Spartan ha nel cuore un nuovo interprete HTML chiamato Edge, che rimpiazza il motore Trident di Internet Explorer. Ed è qui che cascano gli asini che siamo noi webdesigner e webmaster: il rischio è che una certa quantità di siti, magari scritti in modo men che perfetto o poco mantenuti nel tempo, appaiano in modo sbagliato quando visualizzati attraverso Edge in Spartan.

A leggere bene, si scopre che Edge deriva da Trident per filiazione, così come Blink (il motore di Google Chrome) nasce da una costola di WebKit, il motore di Safari. Non è gran consolazione, perché nel 2013 è bastato molto meno di questo — il semplice cambiamento di una stringa di identificazione interna — per mandare in crisi un mucchio di siti.

Ora come allora franeranno i siti che usano ancora la versione 1.8.3 o precedente di JQuery (e con essa magari qualche plug-in della medesima epoca). Basarsi sull’identificazione del browser è sempre più rischioso a ogni anno che passa: dobbiamo scrivere dei Javascript che identificano le capacità dei browser, non il produttore.

I webdesigner che dispongono di un account Microsoft potranno usare i servizi Azure RemoteApp per fare qualche prova prima che Spartan raggiunga i PC degli utenti finali. Insomma, c’è da rimboccarsi le maniche, ma anche il tempo per farlo.




Luca Accomazzi (@misterakko) ha messo le mani su un calcolatore (Apple) nel 1980 e da allora non le ha quasi mai staccate anche se, avendo una moglie e una figlia, viene da sospettare che qualche pur breve pausa l’abbia trovata. Su Internet dal 1992, si dedica a tempo pieno a scrivere siti – circa trecento da fine 1997 – fermandosi solo per scrivere libri per Apogeo (spesso in sodalizio con Lucio Bragagnolo). L’azienda che ha fondato, Accomazzi.net, è specializzata in commercio elettronico e newsletter.

In Rete: www.accomazzi.net

Letto 3.943 volte | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

4 commenti

  1. Alessandro

    Articolo senz’altro interessante.
    Col mio commento desidero solo suggerirvi di correggere con la dicitura corretta la bizzarra espressione “a ogni ano che passa” :)

  2. Lucio Bragagnolo

    Abbiamo rimediato alla bizzarria. Grazie mille per la segnalazione! :)

  3. Tempo di estensioni | Apogeonline

    [...] ad abbracciare questa pratica. Microsoft ha annunciato che seguirà la medesima falsariga in Edge (alias Spartan). La notiziona di agosto 2015 sta nel fatto che Firefox segue la medesima [...]

  4. È morto un bischero | Apogeonline

    [...] sul 50 percento circa. Di questi, una metà è passata alla definitiva versione di Explorer o a Edge (già Spartan), ma l’altra metà è rimasta con le versioni obsolete alle quali Microsoft oggi spara un [...]

Lascia il tuo commento