3 Commenti

Da programmatore a webmaster

Gradita sorpresa

di

thumbnail

12

set

2014

Vuoi intraprendere una luminosa carriera da sviluppatore di software e magari scopri di essere tagliato per il web.

Circa una settimana fa irrompevo nelle vostre vite sostenendo che, a metà degli anni Dieci o giù di lì, chi vuole tuffarsi nel web farà bene a lasciar da parte per un momento JavaScript, perché di cose da imparare ce n’è millanta.

Ora capovolgiamo la riflessione e chiediamoci, web a parte, da dove può cominciare chi vuole imparare a programmare. Quali sono i linguaggi di programmazione più flessibili, più potenti, più richiesti dal mondo del lavoro? La risposta vi stupirà.

Per evitare che i gusti e i punti di vista mettano il becco in questa risposta, che dev’essere il più possibile oggettiva, partiamo da un dato di fatto numerico e quindi del tutto indiscutibile. Facciamo un salto su GitHub, oggi il più popolare spazio per la condivisione di librerie e progetti di programmazione, e guardiamo qual è il linguaggio più usato. Nella figura qui sotto, di cui sono debitore a @dberkholz, la risposta.

Grafico del numero di progetti, per anno e per linguaggio di programmazione. Dal 2013, JavaScript svetta al primo posto.

Verde e in picchiata, Ruby. Rosso e in impennata, chi l’avrebbe detto, Javascript.

Se volete approfondire il dato, GitHub mette a disposizione interessanti strumenti di interrogazione della sua base dati. Per esempio potete scoprire quali e quanti progetti esistono con oltre 5000 programmatori contemporaneamente all’opera.

Qualcheduno farà un salto sulla sedia e dirà che Javascript è un linguaggio interpretato e non compilato, a basse prestazioni, ingabbiato dentro alla finestra di un browser nell’esecuzione e per tutti questi motivi indegno di venire paragonato a linguaggi più titolati come il C. Invece tutte queste obiezioni erano vere anni fa mentre oggi sono false. Javascript funziona fuori dal browser e per chi usa Safari in iOS 8 e OS X 10.10 viene compilato e ha prestazioni stratosferiche. Potete persino usarlo per scrivere app Windows 8 e anche app per OS X Yosemite. Potete svilupparci anche sistemi embedded per pilotare hardware a basso livello.

Javascript è l’unico linguaggio possibile dentro a una pagina che viene vista nel browser e questo è più che sufficiente per renderlo uno dei linguaggi più importanti al mondo. Ma negli ultimi anni è cresciuto paurosamente, e chi lo avesse conosciuto tre anni fa e poi passato quei tre anni su Marte oggi stenterebbe a riconoscerlo. Un web designer puro può benissimo, lo ripeto, farne a meno: basta che costui sia un creativo o un esperto di esperienza utente — del resto proprio la sua recente inattesa profondità e versatilità lo rende molto meno semplice da dominare rispetto a pochi anni fa.

Non perdiamolo d’occhio.




Luca Accomazzi (@misterakko) ha messo le mani su un calcolatore (Apple) nel 1980 e da allora non le ha quasi mai staccate anche se, avendo una moglie e una figlia, viene da sospettare che qualche pur breve pausa l’abbia trovata. Su Internet dal 1992, si dedica a tempo pieno a scrivere siti – circa trecento da fine 1997 – fermandosi solo per scrivere libri per Apogeo (spesso in sodalizio con Lucio Bragagnolo). L’azienda che ha fondato, Accomazzi.net, è specializzata in commercio elettronico e newsletter.

In Rete: www.accomazzi.net

Letto 3.844 volte | Tag: , , , , , , ,

3 commenti

  1. La vuota scuola | Apogeonline

    [...] vuole insegnare la programmazione di dieci anni fa, mentre il mondo è assai cambiato (e i ragazzi coinvolti entreranno nel mondo del lavoro tra altri dieci anni). Ho cercato nelle [...]

  2. Sei Javascript! | Apogeonline

    [...] frequentate questo spazio da qualche tempo mi avrete sentito scrivere che un giovane programmatore farebbe solo del bene a se stesso nel considerare JavaScript al [...]

  3. Il web si fa in tre. Tre D | Apogeonline

    [...] di seguirmi su queste pagine mi ha sentito dire che il web moderno, basato su HTML5 ma soprattutto programmato in JavaScript, si è totalmente liberato delle limitazioni che caratterizzavano il web di dieci anni fa. Come [...]

Lascia il tuo commento