2 Commenti

Diritto contro incrostazioni tecnologiche

Britannia Open Rules

di

thumbnail

25

lug

2014

È giusto che la pubblica amministrazione parli ai cittadini con formati standard: PDF, HTML, ODF. Ci tocca pure impararlo dagli inglesi.

Alcuni argomenti che affronto nella mia attività di divulgazione hanno sempre appeal, mentre altri che lo meritano rimangono in una luce minore, come interoperabilità e standard aperti. Sono temi generalmente percepiti come ipertecnici e riservati agli addetti ai lavori e di conseguenza sminuiti nella loro importanza.

Da qualche anno a questa parte sono infatti convinto che il dibattito sull’openness si sia fin troppo focalizzato sul lato software e non sufficientemente sul lato degli standard e dei formati. È un ecosistema fatto di standard aperti e condivisi e realmente ispirato all’interoperabilità, a rappresentare il primo requisito essenziale per un mondo di tecnologie open. D’altro canto, ce ne facciamo poco del codice sorgente di un’applicazione se poi i formati con cui vengono diffuse le informazioni e i protocolli secondo cui le macchine interagiscono tra loro sono chiusi, poco trasparenti e controllati da una cerchia ristretta di soggetti.

Ecco però che in questi giorni il famoso tema per soli addetti ai lavori è tornato a fare capolino nelle news, non solo tecnologiche. Il 22 luglio, il governo britannico ha infatti annunciato la formale adozione di formati aperti nell’ambito della pubblica amministrazione, con una espressa indicazione a favore dei formati PDF/A o HTML per la semplice diffusione di informazioni (ad esempio attraverso il web) e di ODF per la condivisione di documenti di lavoro prodotti o gestiti dalla pubblica amministrazione.

Nel comunicato si trovano riassunte in tre punti chiave le motivazioni che hanno ispirato questa scelta:

  • Cittadini, imprese e organizzazioni di volontariato non avranno più bisogno di un software specifico per aprire o lavorare con i documenti governativi.
  • Le persone che lavorano nel settore pubblico saranno in grado di condividere e lavorare con i documenti nello stesso formato, riducendo i problemi dovuti al passaggio da un formato all’altro.
  • Le organizzazioni governative potranno scegliere le applicazioni più adatte e convenienti, sapendo che i loro documenti funzioneranno sia per le persone all’interno che per quelle all’esterno del governo.

Fa sorridere che, a ben vedere, una norma del genere già esista nell’ordinamento italiano, il solito articolo 68 del Codice Amministrazione Digitale, in vigore nella sua ultima e più chiara formulazione già da un paio d’anni e che continua ad essere spudoratamente ignorata dai dirigenti delle pubbliche amministrazioni italiane.

Per scrupolo ho verificato (per esempio sulla Gazzetta Ufficiale) e posso garantire che quella norma è scritta in lingua italiana corrente e non nell’alfabeto klingoniano. Allora qualcosa non mi quadra. Vedremo se gli inglesi (il cui ordinamento giuridico è da secoli modello virtuoso di funzionamento) sapranno dare effettività a questa norma fin dall’inizio o se anche loro rimarranno invischiati in dinamiche di mercato e tecnologiche più forti del diritto.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribution – Share Alike 4.0.


Dal 4 al 22 agosto Apogeonline andrà in vacanza e tuttavia alternerà agli articoli migliori della stagione uno straordinario diario di viaggio dalla California del nostro Simone Aliprandi: interviste, eventi live e altro purché interessante, nel pieno della Silicon Valley. Sarà una vacanza speciale!




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 3.756 volte | Tag: , , , , ,

2 commenti

  1. Aprire i formati della PA | Apogeonline

    [...] mio avviso basterebbe), bensì un obbligo giuridico. Come abbiamo già spiegato più volte (e anche di recente), l’uso di formati aperti da parte delle pubbliche amministrazioni è un obbligo stabilito [...]

  2. ODF: lo standard vero | Apogeonline

    [...] di dire che il formato dei file di Microsoft Office rappresenta un costo per la comunità, e ha deciso di passare ufficialmente a Open Document Format (ODF), prevede di risparmiare ogni anno milioni di sterline [...]

Lascia il tuo commento