2 Commenti

Libertà. Con licenza

L’estate proficua di Creative Commons

di

thumbnail

26

ago

2013

Un’importante occasione per fare il punto sulle questioni del copyright di opere libere e presentare la versione 4.

Mentre qui in Italia si pensa ancora alla tintarella e ai gavettoni, dall’altra parte dell’Atlantico il dibattito scientifico sull’innovazione del diritto d’autore ha fatto un grande passo avanti grazie ad un evento di impatto davvero globale.
Dal 20 al 24 agosto si è infatti tenuto a Buenos Aires, presso il Centro Cultural General San Martín, il Creative Commons Global Summit 2013: un concentrato di presentazioni, tavole rotonde e workshop sul tema delle nuove frontiere del copyright con relatori di altissimo livello provenienti da tutto il globo, tra cui lo stesso Lawrence Lessig (principale teorico della filosofia open) e Cathy Casserly (attuale CEO di Creative Commons).

All’interno del Summit sono state ospitate inoltre la Internet Freedom Conference di martedì 20 e la CC and Copyright Reform Miniconference di mercoledì 21, a conferma del fatto che l’intento non era tanto celebrare le CC ma riflettere seriamente e con eco internazionale sul superamento di modelli legislativi ancora troppo legati al mondo predigitale. Come emerge dal programma definitivo dell’evento, altri temi caldi trattati in quei cinque giorni sono stati la digitalizzazione delle opere cadute in pubblico dominio, la promozione delle open educational resource per un’istruzione davvero aperta e innovativa, i rapporti tra licenze libere e società di gestione collettiva dei diritti e i problemi legati al fundraising di progetti open.

Per chi segue costantemente le evoluzioni di Creative Commons, il Summit è stato anche e soprattutto l’occasione per presentare ufficialmente le licenze in versione 4.0 di cui si discute ormai da quasi due anni e che, dopo vari draft pubblicati e lasciati aperti ai commenti della community, sono giunte al testo definitivo. Come già preannunciato su queste pagine, il passo è davvero innovativo dato che con questa versione le CC abbandonano una scelta intrapresa fin dall’inizio del progetto (più di dieci anni fa): effettuare il porting delle licenze per ciascuna giurisdizione. Non avremo più quindi le versioni italiana, australiana, giapponese… ma un’unica versione pensata per funzionare in ottica internazionale. Che poi è ciò che avviene già da anni con le più note licenze di software libero.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. La foto illustrativa è di Ana Laura Almada, sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.0 Generico.




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 3.722 volte | Tag: , , , , , , , , ,

2 commenti

  1. Creative Commons Global Summit 2013 | Il blog nella didattica

    [...] Simone Aliprandi su Apogeonline [...]

  2. Simone Aliprandi

    a titolo di dovuta precisazione, devo segnalare che, nonostante la celebrazione ufficiale delle nuove licenze 4.0 in occasione del Summit di Buenos Aires, Creative Commons ha ritenuto di effettuare ancora alcune rifiniture sui testi delle nuove licenze. Dunque le nuove versioni saranno di fatto disponibili tra qualche settimana. Si veda il comunicato rilasciato nei giorni scorsi da CC USA: http://creativecommons.org/weblog/entry/39390 .

Lascia il tuo commento