Nuove funzioni, nuove prestazioni

Basta con gli smartphone per programmatori

di

thumbnail

17

lug

2012

Le novità di Android 4.1, alias Jelly Bean, promettono apparecchi rivolti a chi li vuole usare più che ai programmatori.

Come scritto giorni fa, Jelly Bean (Android 4.1) ha come caratteristica principale un sensibile miglioramento delle performance e del consumo di batteria. Il risultato ha permesso per esempio una nuova applicazione fotocamera, la quale permette una più veloce ed efficace gestione e acquisizione delle immagini.

Ma sono state comunque introdotte altre feature che potrebbero sembrare secondarie e invece conferiscono ai dispositivi Android una potenza ancora maggiore. Una di queste riguarda l’inserimento di informazioni testuali che rappresenta, a mio parere, una ulteriore sfida; ammetto che autocompletamento errato e tastiere ridotte hanno spesso messo a dura prova la mia pazienza, specialmente se si ha la necessita’ di dover scrivere in piu’ di una lingua. E c’è molto altro, come ha fatto notare GSMArena nella propria recensione:

Don’t think for a second though, that Jelly Bean doesn’t have anything interesting to offer. On the contrary – the latest Android version brings a truckload of new features, and should help noticeably improve the overall user experience.

Android 4.1 ha introdotto un ulteriore miglioramento nel riconoscimento vocale che ora non necessita nemmeno più della connessione internet ma può avvenire offline.

Apprezzabile anche l’introduzione di nuove gesture che persone con handicap di vario tipo possono utilizzare per accedere in modo semplice alle funzionalità del dispositivo. L’accessibilità e’ spesso un tema che trascuriamo nelle nostre applicazioni ma dovrebbe essere sempre preso in considerazione. Il cammino verso un dispositivo non per programmatori, ma per utenti, è finalmente cominciato.




Massimo Carli (@massimocarli), cofondatore di Mokabyte e socio JIA (Java Italian Association), progetta e sviluppa applicazioni Java dal 1995. Ha maturato esperienze di insegnamento presso l’Università di Padova per il corso di Diploma di Ingegneria Informatica. Dal 2004 è stato docente di Sun Microsystems per i corsi relativi alle tecnologie Java, XML, Web Services, GlassFish e Web 2.0. Attualmente il suo interesse è orientato verso la realizzazione di applicazioni in ambito mobile sia per la piattaforma Apple iOS, sia per Android, che segue fin dai suoi primi sviluppi. Per Apogeo è autore di Android 3 - guida completa, Sviluppare applicazioni per Android e Creare la prima applicazione Android.

In Rete: www.massimocarli.eu

Letto 4.855 volte | Tag: , , , ,

Lascia il tuo commento