3 Commenti

Un progetto open e ben temperato

Johann Sebastian Bach e la musica libera

di

thumbnail

06

giu

2012

Si dice comunemente che “non esiste il pasto gratis”. Eppure il mondo del software libero regala una gemma artistica.

Si dice che chi vuole fare computer music di livello e senza impazzire per gestire complesse interfacce e trovare compatibilità con i tool audio disponibili, debba rassegnarsi a non utilizzare piattaforme open source.

Eppure MuseScore, il più evoluto progetto open source per l’editing, la gestione e la produzione di partiture musicali, sembra essere arrivato ad un livello di maturazione davvero sorprendente. Non solo: MuseScore è anche una piattaforma (aperta, gratuita, e con funzioni social) in cui è possibile pubblicare esecuzioni di musica classica e affiancarle alla relativa partitura. L’effetto per il fruitore è di sicuro impatto, specie per coloro che hanno un minimo di competenze musicali.

È di questi giorni una notizia nella quale la creatività open si estrinseca in due diverse forme: da un lato, appunto, l’utilizzo di una software e di una piattaforma MuseScore, dall’altro il rilascio del risultato ottenuto in un regime di copyright molto libero.

La pianista Kimiko Ishizaka, infatti, ha realizzato una particolare interpretazione delle Variazioni Goldberg di Bach e l’ha rilasciata sull’apposita piattaforma MuseScore applicandovi il waiver di CC0, ovvero il tool di Creative Commons per il rilascio in pubblico dominio.

Questa iniziativa rientra in un più ampio progetto basato a Colonia in Germania, avviato nel marzo 2011 e chiamato proprio Open Goldberg Variations. Nella pagina di presentazione del progetto si legge:

We are creating a new score and studio recording of J.S. Bach’s Goldberg Variations, and we’re placing them in the public domain for everyone to own and use without limitations on licensing. Bach wrote his seminal work over 270 years ago, yet public domain scores and recordings are hard or impossible to find. Until now! This project will start by creating a new engraving of the Goldberg Variations using the MuseScore notation software. The edition will be subject to scholarly review, and when it is finished, it will be available to everyone to own and use without limitations.

Qualcuno giustamente si chiederà: “ma le opere di Bach (che è sicuramente morto da più di 70 anni) non dovrebbero essere di per sé in pubblico dominio?”. Infatti lo sono; a non essere in pubblico dominio sono appunto i diritti di esecuzione e di produzione fonografica (i cosiddetti diritti connessi). E l’applicazione di CC0 permette di sgombrare il campo da ogni dubbio sui diritti d’uso.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 6.484 volte | Tag: , , , , , , , , ,

3 commenti

  1. Bruno Belotti

    Azz, fregato sul tempo! :)
    Volevo fare la stessa cosa, ed ero arrivato a 6 variazioni imparate decentemente… Beh, tanto suonarle è un piacere.
    Differenze “minime” [ #!!?! :) ] di interpretazione tra me e lei a parte, in generale tutta l’opera è prodotta con una qualità straordinaria.
    Impresa che, tra l’altro, m’era completamente sfuggita nonostante sia utente di MuseScore, ammiratore di KS e acceso sostenitore delle CC.
    Grazie della segnalazione, corro a scaricare le tracce.

    PS. appena scoperto (sempre sul link segnalato) che esiste anche una versione “didattica” per iPad, assolutamente valida (http://itunes.apple.com/it/app/open-goldberg-variations/id529060306), che consiglio a tutti gli interessati di scaricare.

  2. Stemby

    Bah, MuseScore (il software) l’ho provato qualche mese fa per curiosità, ma non mi piace proprio. Bellina invece la piattaforma social.

    Comunque c’è poco da fare, per impaginare la musica non c’è niente di meglio di GNU LilyPond: quello sì che è un software professionale. È un po’ come la differenza che c’è tra LibreOffice Writer (o simili) e LaTeX.

    Grazie comunque per la segnalazione!

  3. [...] Johann Sebastian Bach e la musica libera | ApogeonlineSi dice comunemente che non esiste il pasto gratis. Eppure il mondo del software libero regala una gemma artistica.www.apogeonline.com/…/johann-sebastian-bach-e-la-musica-l… [...]

Lascia il tuo commento