4 Commenti

Imminente la pubblicazione di un primo draft

Creative Commons alla quarta (versione)

di

thumbnail

07

feb

2012

Spunti importanti dalla discussione pubblica, da tenere in considerazione per giungere a un risultato finale degno delle aspettative.

Nel settembre scorso, in occasione del CC Global Summit di Varsavia, l’ente no profit Creative Commons (CC) ha annunciato l’apertura di un dibattito pubblico sulla nuova versione 4.0 delle ormai famose licenze, che nelle intenzioni dichiarate dovrà mostrare sostanziali differenze rispetto alle versioni precedenti.

Gli aspetti su cui si intende focalizzare gli sforzi sono cinque:

  • internazionalizzazione del set di licenze promuovendo il lavoro di porting presso la fittissima serie di progetti locali
  • massimizzazione dell’interoperabilità e della compatibilità tra le licenze CC e altre licenze, con lo scopo di promuovere standard condivisi e arginare la proliferazione di licenze
  • ottica di lungo periodo, per anticipare il più possibile le nuove sfide poste dalla nuove tecnologie
  • possibilità di utilizzo nei campi degli opendata e della Public Sector Information, della produzione scientifica, e della didattica
  • mantenimento e supporto delle licenze precedenti e degli strumenti connessi

In effetti, nei miei tre mesi come research intern presso la sede centrale di CC, un anno fa avevo già presagito che il passo verso le 4.0 sarebbe stato un passo importante. E non vi è dubbio che questi cinque temi siano da tempo percepiti come i punti nodali per il licenziamento di contenuti creativi e dati.

La fase attuale di consultazione pubblica (basata sulle mailing list ufficiali di Creative Commons e tutt’ora aperta) ha fatto intanto emergere ulteriori spunti che i vertici di CC dovranno sicuramente prendere in considerazione. Salvo slittamenti, la tabella di marcia prevede che un primo draft venga pubblicato tra febbraio e marzo 2012.

[Articolo sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia]




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 3.604 volte | Tag: , , , , , ,

4 commenti

  1. Creative Commons: siamo vicini alle licenze 4.0 | WikiCulture

    [...] Apogeonline, Creative Commons, [...]

  2. Stefano

    Vista la sua “vicinanza” ai responabili del CC, non sarebbe utile che lei (ad altri) professionalmente attivo in quest’ambito sollecitasse la creazione di pagine anche in lingua italiana, oltre alle già presenti in inglese, tedesco e portoghese?
    Saluti.

  3. Simone Aliprandi

    Tengo a precisare che io non faccio parte dello staff di CC. Ho solo avuto la bella occasione di fare una internship di 3 mesi presso la sede centrale e sono in contatto informale con chi si occupa del progetto a livello italiano. DI certo riferirò questa sua richiesta.. legittima. Purtroppo, bisogna ammettere che il lavoro di traduzione è spesso molto faticoso, vista la mole di contenuti che ogni giorno vengono immensi in rete. Ed essendo Creative Commons un progetto non-profit che si basa in buona parte sul volontariato di appassionati non è sempre facile stare al passo con tutto.

  4. Finale in tre bozze | Apogeonline

    [...] proprio parlando della versione 4.0 delle licenze Creative Commons che iniziai la mia collaborazione con Apogeonline. Era circa un anno fa e il processo di [...]

Lascia il tuo commento