Rassegne

Sulla proposta dell'IP unico

di Federico Fasce

thumbnail

05

Dic

2008

Quel che si dice in Rete. Mentre continuano le discussioni sulla dichiarazione del premier italiano a proposito di una regolamentazione di Internet, fa capolino una seconda proposta, avanzata dal ministro Roberto Maroni, che per alcuni è anche più preoccupante

Continuano a far parlare di sé le recenti dichiarazioni del governo sulla possibilità di una regolamentazione di Internet. Stefano Quintarelli prova a riflettere a fondo, puntualizzando come già esistano forme di regolamentazione e come, probabilmente, non ci sia da preoccuparsi. Secondo Giuseppe Granieri punto davvero inquietante è la proposta di Roberto Maroni di assegnare un indirizzo Ip unico ad ogni utente della Rete. Il che, come spiega Alfonso Fuggetta, pur essendo ad oggi tecnicamente irrealizzabile, offre una buona misura della direzione verso la quale il governo si vuole muovere.


Gli altri temi del giorno:

I Googlisti analizzano uno strumento online utile a creare diagrammi d'uso per i siti web.

Facebook sembra essere diventato la porta di ingresso di molte persone verso il web sociale. Lo spiega anche Vincos, che riporta alcuni dati sull'uso della piattaforma.

2 commenti

  1. faccio presente a Gianni Nasazzi che tutte le limitazioni alla libertà di espressione ed in genere ai diritti civili vengono introdotte proprio in base al principio che sono per il bene del popolo. In questo caso sarebbero un'arma efficientissima per combattere pedofilia, spam e quant'altro, ma sarebbero anche la fine dell'unico mezzo di protesta valido: internet. Anche in Russia si vota, ma sappiamo che la democrazia è lì una farsa, con internet ben controllata ed una recente legge, già approvata, che equipara la critica al governo a tradimento verso la patria. E' questo che vogliamo anche qui, dove già l'asservimento degli organi di informzaione alla politica è totale?

  2. Capisco che la proposta di indirizzo IP unico sia preoccupante ma risolverebbe alcune forme di spamming che stanno riducendo le reti a un enorme colabrodo. Se chi invia materiale in rete con elevate liste di distribuzione fosse costretto all'utilizzo di un unico IP depositato e verificabile sono sicuro che lo spamming si ridurrebbe a pochissimi casi. Non sono nemmeno d'accordo sul fatto che tecnicamente l'indirizzo unico non sia fattibile. Piuttosto ci sarebbe il pericolo, controllabile, di furto d'identità. Pensate all'indirizzo IP come algoritmo di un codice fiscale con chiave di protezione.... Saluti