Quinta di copertina

Facebook, e la psicologia dei social network

di Antonio Sofi

thumbnail

23

Ott

2008

Quinta di Copertina settimanale. Venti minuti in podcast tra ritagli di carta e bit, in compagnia di un ospite. Oggi con noi Giulietta Capacchione, psicologa e curatrice del blog "Psicocafè". Argomento della settimana è Facebook, la nuova privacy e il pregiudizio tecnologico del racconto dei social network.

Quinta di Copertina, dopo due anni e 245 puntate più o meno quotidiane, cambia formato e obiettivi: 20 minuti settimanali, e un ospite con cui conversare. Resta ferma l'ambizione iniziale: quella di raccontare e approfondire (forse un po' scompaginare) l'agenda tecnologica.

L'ospite di oggi è Giulietta Capacchione

Negli ultimi tempi Facebook è prepotentemente al centro dell'agenda tecnologica dei media. Articoli, inchieste sui settimanali, servizi ai telegiornali. Contenuti che sono legittima reazione all'impennata di utenti che ha fatto registrare il social network negli ultimi tempi (più che raddoppiati in due mesi, ed ora sfiorano il milione e mezzo), ma che spesso sono inquinati da una sorta di pregiudizio tecnologico, e da impressioni personali e discutibili ma spacciate per verità scientifiche (spesso relative alla classico refrain della dipendenza da Internet). Con la diffusione dell'uso di Facebook, inoltre, cambiano (in modo più o meno significativo) anche i concetti di "amicizia" e soprattutto di privacy. Ne parliamo con Giulietta Capacchione, psicologa da tempo attenta alle dinamiche dei nuovi media, e curatrice del blog tematico Psicocafe, uno dei primi blog del genere in Italia.

Articoli segnalati:

Per segnalazioni: quintadicopertina(at)apogeonline.com

� disponibile il canale di Quinta di copertina su iTunes

Il file audio con questa puntata � disponibile in streaming utilizzando il player qui sotto, ma pu� anche essere scaricato (9,88 Mb ca.) e ascoltato sul proprio computer.

Chi lo desidera, inoltre, può sottoscrivere il canale podcast rss o atom per essere avvisato in modo automatico della disponibilità di nuove edizioni della rubrica: è sufficiente copiare l'apposito link nell'aggregatore personale di contenuti, in iTunes o in analogo software in grado di gestire feed Rss/Atom

2 commenti

  1. Sulle dipendenze, non sapete di cosa state parlando.

    Io uno studio clinico serio sulle dipendenze da Internet devo ancora vederlo. Lo stesso Cantelmi, che ha lanciato l'allarme in Italia alla fine degli anni '90, poi ha ammesso, dopo 6 anni di studi, di avere trovato in tutto solo SEI casi di reale dipendenza, e di persone che avevano gia' problemi antecedenti, con quanto meno la tendenza a essere compulsivi e con disturbi nelle relazioni sociali.

    Per il resto, non ripeto qui quello che ho gia' scritto nei commenti sul blog di Alessandro Longo, su un post sullo stesso argomento in data 20 ottobre 2008 (www.alongo.it).

    Ciao, Fabio.
    http://xoomer.alice.it/fabio.metitieri

  2. Giusto qualche settimana fa ho scritot un post sul fatto che forse FaceBook sopprimerà il resto del web 2.0