DoppioClick

L'e-mail marketing più efficace il martedì e il giovedì

di Salvatore Romagnolo

thumbnail

17

Lug

2002

DoubleClick ha realizzato uno studio sull'e-mail marketing, basato sui dati raccolti dal suo sistema di e-mail "Dart", secondo il quale la maggiore efficacia la si raggiunge il martedì e il giovedì

Il martedì e il giovedì le campagne di e-mail marketing riescono a raggiungere dei tassi medi di trasformazione (click-through) del 6,5%. È questo uno dei dati che emerge da una recente ricerca effettuata da DoubleClick, una delle principali agenzie di raccolta pubblicitaria e marketing online.
Secondo i dati diffusi, inoltre, le campagne di e-mail marketing effettuate tramite siti informativi o newsletter, ottengono migliori risultati durante i week-end, quando gli utenti hanno più tempo per dedicarsi alla lettura. Il click-trough, in questo caso, arriva al 9,4%.

Riassumendo i dati di DobleClick: per le campagne di e-mailing classiche, il momento migliore per raggiungere i consumatori è durante l'orario lavorativo; per la comunicazione commerciale tramite newsletter o siti informativi, è meglio aspettare che questi siano tornati a casa dal lavoro o cercare di raggiungerli durante i week-end.

Lo studio di DoubleClick dà anche alcune interessanti indicazioni sulle categorie più ricettive delle campagne di e-mail marketing.

A ottenere i migliori tassi di trasformazione sono i siti delle società di vendita per corrispondenza, che arrivano al 9,5% di click-trough. Un dato che potrebbe essere di scarso interesse per il mercato italiano, dal momento che la vendita per corrispondenza non si è mai affermata nel nostro Paese e che le società storiche del settore hanno una modesta presenza online. Anche i siti di commercio elettronico al dettaglio (e-retail) possono vantare ottime performance, con un tasso del 9,1%.

Gli specialisti della vendita online, quindi, sono quelli che hanno saputo integrare meglio le campagne di comunicazione via e-mail nella loro attività. Anche i tassi di viral marketing sono migliori presso i commercianti online. Ad esempio, il tasso di forward/pass along (la percentuali di utenti che inoltrano l'e-mail ricevuta a loro conoscenti) è dello 0,4% per i siti delle società di vendita per corrispondenza e dello 0,6% per gli e-retailer.

Si tratta di percentuali che possono sembrare molto basse a un esame superficiale, ma bisogna considerare che nel B2B e in molte categorie del B2C, il tasso di forward è solo dello 0,2%.

Settore del sito

Click through

Pass along

Vendita per corrispondenza

9,5%

0,4%

E-retail

9,1%

0,6%

Tempo libero e divertimento

6,2%

0,3%

Servizi finanziari

6,0%

0,4%

B2B

4,6%

0,2%

Internet Service Provider

4,4%

0,2%